Diario del mister - Attivazione tecnica di Mister Maurizio Sarri

Pubblicato da: Salvatore Fasano Categoria: Blog Data: Commento: 0 Like: 1489

Cari Misters, nell'articolo di oggi vi parleremo di un'attivazione tecnica realizzata da Maurizio Sarri durante il secondo ritiro estivo del suo periodo alla guida del Napoli.

Credo sia importante fare una premessa sulle attivazioni tecniche con il pallone. Questo tipo di esercitazione è fondamentale per non solo dal punto di vista organico ed atletico, ma soprattutto dal punto di vista tattico. 

Infatti, i riscaldamenti tecnici analitici (quindi senza avversari), ci permettono di riprodurre situazioni di gara e di curare e correggere con attenzione tre aspetti fondamentali del calcio:

  1. trasmissione: in base alle distanze tra le postazioni (da adattare in funzione della categoria che si allena e alle dimensioni del campo dove si gioca), alleniamo i giocatori a trasmettere il pallone dosando la giusta forza e la corretta tecnica di passaggio.
  2. controllo orientato: in base alla figura geometrica creata ed al tipo di sviluppo di gioco che vogliamo dare all'esercitazione, in attivazione lavoreremo in modo mirato alla ricezione del pallone orientata alla giocata immediatamente successiva.
  3. contromovimento: nelle esercitazioni analitiche come questa, lavorare sui contromovimenti è un altro aspetto fondamentale per eludere le marcature avversarie.
  4. ripetizione del gesto: questo tipo di modalità esercitativa offre la possibilità di far "memorizzare" all'atleta un determinato gesto e di metterlo in condizione di ridurre la percentuale di errore in gara.

Per quanto riguarda i tempi, suggerisco sempre di far svolgere l'esercitazione per almeno 5'-6' in ciascuna direzione e comunque, di far sì che ogni giocatore ripeta il gesto almeno 6-8 volte.

In questa proposta di Mister Sarri, viene messo l'accento sulle classiche combinazioni in catena laterale del suo ormai celebre 4-3-3. Infatti, la figura geometrica proposta ricorda le trasmissioni e i cambi di posizione tra difensore esterno, mezzala e attaccante esterno. Ovviamente, la proposta che vi rimettiamo può essere variata in tanti modi. 

Esempio: potremmo dare una direzione all'esercitazione e chiuderla con una trasmissione in una porticina oppure in direzione di un quarto giocatore che simuli un vertice (attaccante centrale) o un sostegno (play o portiere).

ESERCITAZIONE - GIOCO A MURO E INSERIMENTO PER SOSTEGNO NEL 4-3-3

Campo

15/20 mt per lato

Giocatori

4/6/8 per stazione (almeno due per il punto di partenza)

Tempi

2 tocchi; poi 1 tocco

Durata

15’ (7’ verso dx – recupero 1’ – 7’ verso sx)

Con questa figura simuliamo una situazione di gioco in catena (terzino-mezzala-punta esterna) nel modulo 4-3-3 che prevede la giocata in verticale dal terzino alla punta esterna, lo scarico sulla mezzala e l’inserimento dell’attaccante esterno.

 

L’esercitazione si svolge in dai e segui e ad ogni cono, i giocatori eseguono un contro-movimento:

 

·         Cono vertice: lungo-corto

·         Coni esterni: fuori-dentro

 

Giocatore A trasmette palla a B che riceve ad aprire di sinistro per poi giocare a C, venuto incontro. B aggira il cono e prende ampiezza; C trasmette palla a B attraverso i due delimitatori rossi. B riceve e guida palla fino al cono rosso, per poi passare palla ad A che ricomincia il giro.  

 

Focus point: 1. trasmissione di interno e ricezione orientata al compagno. 2. Presa di posizione a protezione della palla 3. Provare la giocata ad un tocco.

 

N.B. Sui coni esterni, la ricezione viene effettuata sempre con il piede più lontano dal cono, così da simulare l’elusione della marcatura di un avversario.

Se avete varianti da proporre o suggerimenti/commenti, fatelo pure :)))

Mister Salvatore Fasano

Commenti

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre