L'Anticipo

Pubblicato da: mistersoccer.it Categoria: Fondamentali Tattici Individuali Data: Commento: 0 Like: 1210

L'Anticipo – 14 – Tecnica e tattica individuale – 10a parte

In questa 14esima lezione del corso per allenatori parleremo del recupero della palla. Questa azione di gioco può essere attuata in tre modalità: anticipo, intercettamento, contrasto.

Nella puntata odierna del blog, vi parleremo della prima: l’anticipo.

“A memoria, nessuno ha messo in fila 7 partite con una tale ferocia agonistica, con tanta concentrazione, con una simile percentuale di interventi riusciti. Ha innalzato il tackle, l’anticipo e il recupero in scivolata a forma d’arte, come succedeva ai tempi di Beckenbauer, unico difensore vero ad averlo preceduto nella galleria dei Palloni d’oro”.

Luigi Garlando su Fabio Cannavaro

L’anticipo è un’azione di gioco che permette ad un marcatore di impossessarsi del pallone prima del proprio avversario  .

Ci sono alcuni principi fondamentali che regolano quest’azione:

  • posizionarsi su linee interne e non offrire contatto fisico all’avversario (tenere una distanza di circa un metro, utilizzando un braccio)
  • lettura della traiettoria della palla e reattività (capacità di anticipazione motoria)
  • scegliere il giusto timing: un anticipo fallito può causare scompensi nella linea difensiva e difficoltà nelle scalate sugli avversari.
  • quando si è in superiorità numerica, è corretto provarlo
  • nell’incertezza, si difende la profondità (lo spazio di campo che ci divide dalla nostra porta) e non si rischia l’anticipo

Un buon movimento di anticipo prevede due velocità:

  • una fase di corsa iniziale più lenta, quella di lettura della situazione e della traiettoria della palla ed una più rapida per compiere l’azione.
  • in caso di lettura chiara, il difensore parte direttamente in velocità attaccando la palla.

L’anticipo si può allenare in diversi modi.

  • come prima esercitazione, suggeriamo di lavorare con una sagoma o un avversario passivo; un compagno lancia la palla in direzione della sagoma ed un difensore che parte alle spalle cerca di conquistare la palla prima che questa giunga alla sagoma. Si può lavorare con palla radente o palla a parabola.
  • 2 contro 2 con due attaccanti serviti al limite dell’area e due difensori che scelgono quale azione portare: di anticipo o ritardatrice (temporeggiamento: attendere che l’attaccante riceva per poi contrastarlo).

Di seguito vi rimettiamo altre due esercitazioni, estratte dal nostro eBook dedicato alle esercitazioni situazionali: al suo interno, troverete oltre 80 proposte per allenare tutte le situazioni di gioco. Tra queste, ne abbiamo selezionate due per allenare l’anticipo ed il recupero della palla:

Nella prima, la numero 16, abbiamo una situazione di 2 contro 2 con uno dei difensori che parte con handicap e deve recuperare velocemente la posizione per evitare che il compagno si trovi ad affrontare due attaccanti: durante il duello, si lavora su anticipo o intercettamento e contrasto per evitare la conclusione a rete

Nella seconda, la numero 32, abbiamo una situazione di disparità numerica con un 3 contro 2. In questo caso, l’esercitazione è molto allenante perchè stimola i difensori alla scelta più corretta da fare: difendere la profondità o provare a contrastare o anticipare i 3 attaccanti.

Nella prossima puntata parleremo della seconda azione legata al recupero palla: l’intercettamento.

Buona lettura e buona visione!

Mister Salvatore Fasano

Commenti

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre